The Post- ambientato in tutti i paesi del mondo

post

The Post 


di Steven Spielberg, con Tom Hanks e Meryl Streep 

 

The Post di Steven Spielberg è “fresco di stampa“, uscito nelle sale italiane il 2 febbraio.

Il film- di cui si è a lungo discusso- ci riguarda da vicino sebbene sia ambientato negli Stati Uniti in un preciso momento storico culturale. Precisamente nel 1971, anno in cui il New York Times prima, e il The Washington Post dopo, entrano in possesso di documenti segreti – Pentagon Papers– relativi alla guerra del Vietnam.

Dai documenti emergono verità scottanti: la reale condizione e sorte dei soldati americani in Vietnam e soprattutto le numerose menzogne portate avanti dal presidente Nixon ( e non solo) e propinate fino ad allora all’opinione pubblica.
Dunque, pubblicare o non pubblicare, rivelare o non rivelare come stanno davvero le cose?
La scelta di rendere noti i documenti può causare sconvolgimenti e serie ripercussioni sulle testate stesse e sulla società, ma gli editori e i direttori dei due giornali non si lasciano intimorire.
Spielberg, si focalizza sui comportamenti e decisioni prese dai responsabili del The Washington Post, l’editrice  Katharine Graham (Meryl Streep) e il direttore Ben Bradlee (Tom Hanks).

Perché The Post proprio oggi? Perché ha a che fare con noi?

Il film affronta due temi fondamentali: libertà di stampa e emancipazione femminile. Il loro comune denominatore, a mio avviso, è l’indipendenza.
Indipendenza dei giornali dai poteri forti e delle donne da una società maschilista. Senza dimenticare l’indipendenza di pensiero dei lettori, di tutti i lettori del mondo.

Oggi più che mai abbiamo bisogno che  qualcuno ci ripeta- alzando la voce come ha fatto Spielberg- che la libertà di stampa esiste, che è impressa nelle carte costituzionali, e che deve rimanere impressa soprattutto nelle nostre menti. 
Abbiamo bisogno che qualcuno ci racconti storie di donne libere e forti, indipendenti, che grazie alla propria intelligenza e sensibilità si sono guadagnate un posto nel mondo.
Abbiamo bisogno di sentirci cittadini attivi e lettori svegli.
Abbiamo bisogno di esempi.

Come negare che non ci riguarda?
Il film sembra parlare a tutti, indipendentemente da paese e epoca. 

 

 

 

 

 

Articolo 21, Costituzione Italiana 

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.