occhi

Occhi di donna

Donna tra sguardi e pensieri

“Gli occhi di una donna ancora pieni d’amore”
Lucio Battisti

Ho scattato questa foto l’estate scorsa. Lo sguardo e gli occhi di questa donna non li ho mai dimenticati.
Ero a Santa Clara, località nel cuore di Cuba. Le temperature alte e l’umidità insostenibile rendevano difficile respirare, parlare e pensare. La foto è stata scattata con il cuore, con l’istinto e con tutta l’emozione di quel momento. Un momento o forse un attimo che non doveva andare perso.
La donna era di passaggio. Ma i suoi occhi no. Quei occhi rimarranno un ricordo di giorni intensi trascorsi su un’isola in cui il tempo sembra essersi fermato.
Non conosco il suo nome né la sua età, ma so che è una donna forte e coraggiosa. Una donna povera, ma non di spirito. Una donna che ne ha viste tante, e tante ancora ne ha da vedere. Una donna sola. Una donna che rappresenta un punto di riferimento per chi la conosce. Una donna silenziosa, ma con occhi loquaci. Occhi che raccontano molto più di quanto lei in realtà dica. Per me sono gli occhi di una donna ancora pieni d’amore, come canta Battisti.
Quando ho scattato questa fotografia, mesi fa, non avrei mai immaginato che avrebbe avuto un significato, ancora più profondo proprio oggi.
Oggi che mia nonna è da poco mancata, lasciando un vuoto dentro me, difficilmente rimpiazzabile. Ecco lo sguardo della donna cubana, ricorda quello di mia nonna.
Entrambe donne semplici, umili e coraggiose. Donne che hanno fatto la storia, che hanno vissuto guerre, regimi, rivoluzioni.
Credo che siano proprio queste i tipi di donne che noi, giovani ragazzi di oggi, dovremmo prendere come esempio. Noi che sempre più spesso siamo ingannate da ogni tipo di immagine e stereotipo che ci viene propugnato dai media.

con i miei occhi

Vieni. Vieni a vedere come si vive qui, con il cuore in mano, i pensieri sospesi, le mani scoperte, in punta di piedi. Scendi, allontanati dalle tue sicurezze e vieni qui. Il mondo è caos puro. Ma almeno capirai come mi sento, cosa provo quando a travolgermi non sono le onde del mare ma un flusso irrefrenabile di pensieri, paragonabile ad una mandria di cavalli imbizzarriti.