sharing

Sharing non solo in rete, ma ovunque

Sharing ovunque: dal Blablacar al Bookcrossing, tutti i modi di condividere

Scommetto che ti piace viaggiare ma non hai abbastanza soldi. Vuoi incontrare nuovi amici ma non sai da dove partire. Vuoi visitare la città dei tuoi sogni e ti accontenteresti di un divano per la notte. Sei fortunato, questo è proprio l’articolo che fa per te.

10 modi per viaggiare, dormire e non solo senza spendere un soldo (o quasi).

Leggi e condividi con i tuoi amici, e scarica tutte le app che fanno al caso tuo.

TRAVEL

1. BLABLACAR

App che consente di offrire o trovare passaggi. Scrivi da dove vuoi partire e dove vuoi arrivare, l’ora e la data. Scegli chi offre un passaggio per la tua tratta al prezzo più conveniente. Possiamo fidarci? Grazie al feedback che ogni autista riceve dai passeggeri puoi verificare la sua affidabilità.

2. BIKE e CAR SHARING

Servizio di prestito biciclette e automobili pubblico o privato. Stazioni poste nelle vicinanze dei principali punti di interesse della città, dove puoi noleggiare in completa autonomia il mezzo di trasporto che cerchi.

Cerca nel sito del tuo comune i servizi di car e bike sharing.

Un esempio nella mia città: Genova

3. OSTELLI 

Condividi stanza e bagno con altre persone a prezzi bassi. Sistemazione spartana, letti a castello e tanto spirito d’adattamento.

Consigli:
http://www.hostelworld.com/

http://www.booking.com/hostels

HOME

4. COUCH SURFING

È un modo di alloggiare gratuitamente che si fonda sul principio dell’ospitalità. Ti iscrivi sulla piattaforma multimediale, compili il tuo profilo a costo zero e puoi cercare un posto disponibile nella città che vuoi visitare o aspettare che qualcuno ti contatti in base al tuo itinerario.

5. TOILETTE

È arrivata l’app per trovare il bagno più vicino a te. Toilette pulite e confortevoli a disposizione per le tue esigenze impellenti. Cerca il tuo bagno online, leggi le recensioni, scegli dove andare, condividi la tua esperienza.

Per saperne di più.

6. AIR BNB 

Sito che ti permette di mettere a disposizione o trovare una stanza in ogni città del mondo. Inserisci destinazione, luogo e data e cerca la soluzione migliore per te. Puoi verificare costi, servizi disponibili e recensioni di altri utenti.

FOOD

7. SOCIAL EATING

Pranzi o cene organizzate in case private da cuochi social. Un modo semplice e veloce per condividere buon cibo in compagnia. Iscriviti a uno dei tanti siti online e trova “la cena in casa” che fa per te.

https://gnammo.com

https://www.peoplecooks.it

8. CAFFÈ SOSPESO

Antica tradizione nata durante la Seconda Guerra: chiunque può lasciare pagato un caffè per chi viene dopo e non se lo può permettere. Da Napoli a New York un gesto molto diffuso nei bar e nei locali.

Il caffè sospeso parte da Napoli e conquista il mondo

ALTRO

9. BOOK CROSSING

Book crossing è un sito dove puoi registrare il tuo libro, “liberarlo”, ovvero lasciarlo su una panchina al parco o sull’autobus e aspettare che qualcuno lo raccolga. Grazie a un codice e ai commenti ti permetteranno di sapere dov’è, chi lo sta leggendo e potrai seguirlo nel suo prossimo viaggio.

10. SHARING FASHION

Un modo per condividere abiti con gli altri utenti online. Grazie all’hastag #sharewear rendo disponibile il mio capo per l’intera community.

 

 

Come Jovanotti https://cultura811.wordpress.com/2016/10/13/come-jovanotti

Mi trovo nella grande biblioteca universitaria, con tanti altri ragazzi.

Li vedo studiare, leggere e scrivere. Impegnarsi e diventare grandi.

Io invece non riesco a concentrarmi su nessun libro, se non su i miei pensieri.

Pensieri che corrono veloci nella mia mente come cavalli.

E proprio come a Jovanotti, quante domande mi affollano la testa.

Fammi sapere se capita mai anche a te di sentirti così…

Nella stanza- dopo l'Amore

Da tempo non si vedeva un’estate così calda.

Una leggera penombra avvolgeva la stanza.

Le lancette del grande orologio erano tornate a scorrere piano, ormai in sintonia con i corpi dei due ragazzi adagiati sul letto, che lentamente sospiravano l’un l’altra.

Lui ricopriva il corpo di Lei, il cuore e la mente di Lei, con uno sguardo intenso e persuasivo.
Lei si sentiva viva e nuda, con i suoi pensieri e le sue voglie di fronte a Lui, di cui conosceva solo il nome e qualche sogno, sparso qua e là, tra un vorrei e un potrei.

La stanza era calda, il sole filtrava appena dai piccoli fori della tapparella.

I corpi dei ragazzi erano sudati: le loro pelli umide e lisce si sfioravano in un morbido abbraccio.

Era pieno pomeriggio. Il mondo, al di fuori, scorreva a gran velocità, come sempre. Mentre i ragazzi , nella stanza, avevano deciso che quel tempo dovesse essere loro, e che non fosse giusto che il divenire glielo portasse via. Così giocarono con l’eternità: la presero in mano e la inserirono all’interno dei secondi e dei minuti, in modo che quell’ora che riuscivano a concedersi quasi ogni giorno, durasse e fosse loro per sempre.
Le lancette erano di nuovo fuori controllo.